La carta dei servizi: un utile guida

Il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Alessandria, ha preparato e pubblicato La Carta dei Servizi, una guida che si rivolge al mondo del volontariato e che illustra le modalità per poter accedere all’erogazione dei servizi. Innanzi tutto la Carta dei Servizi è un atto di comunicazione con il quale dire ai propri “utenti” attuali e potenziali molte cose: che cos’è il Csva, a chi si rivolge, come si accede ai servizi, cosa fa precisamente, perché agisce, quali livelli di servizi si impegna ad garantire, come coinvolge e tutela i suoi destinatari.

Tale strumento ha valore non perché “semplicemente” individua degli standard, ma in quanto spinge un’ organizzazione ad assumere responsabilità verso l’altro.

 

Ecco perché dotarsi di uno strumento del genere. Questa guida è nata proprio per rispondere all’esigenza di un contesto - quello del volontariato e del no profit - sempre più attivo e rilevante all’interno della società. Questa rilevanza sta connotando in maniera sempre più netta la figura di un volontario professionalizzato, a cui si chiede non solo impegno, spontaneo e gratuito, ma anche capacità e competenze specifiche del settore nel quale opera. Il progredire del processo di costituzione del cosiddetto “welfare mix”, di uno stato sociale, cioè, non più fondato unicamente sull’erogazione di prestazioni da parte dei soggetti pubblici, ma che prevede l’integrazione di soggetti pubblici, privati ed appartenenti al terzo settore, ha permesso la valorizzazione di quelle realtà che, a partire da una particolare sensibilità e attenzione a specifici bisogni, si sono progressivamente strutturate per offrire adeguate risposte. Il riferimento principale, cui è possibile fare riferimento riguardo al tema della sussidiarietà, è proprio la nuova legge 328, stilata con l’obiettivo prioritario di garantire uno standard di prestazioni sociali omogenee ed integrate sul territorio. E proprio là legge 328 del novembre 2000 prescrive che ogni ente erogatore di servizi si doti di una carta dei servizi per raggiungere gli scopi sopra descritti ma anche per rispondere ad una logica di sistema, in cui i diversi soggetti pubblici, privati e del privato sociale concorrano a raggiungere obiettivi comuni di sviluppo sociale. Tornando al nostro strumento, è importante sottolineare che i primi destinatari del Centro Servizi sono le organizzazioni di volontariato di cui il territorio della Provincia di Alessandria è assai ricco. La Carta dei Servizi diventa, quindi, uno strumento utile per aiutare le associazioni a muoversi in questo nuovo contesto sociale.

 

Possono richiedere i servizi del Csva tutte le organizzazioni di volontariato, iscritte e non al Registro provinciale, socie e non socie del Csva, purché si identifichino nelle legge quadro n. 266/91 sul volontariato. Per venire incontro maggiormente alle organizzazioni dislocate sul territorio della provincia il Csva si è proposto di aprire una rete di sportelli decentrati nelle principali città capo-zona. Sono già attivi lo sportello a Novi e Casale e attivato proprio in questi giorni a Ovada oltre alla sede operativa di Alessandria.

 


Mission - Directory - Agenda - News - Links - Ermes - Mappa del sito - Home

Risoluzione consigliata 800 X 600 pixel

Browser: Internet Explorer 5.5+ , Netscape 6.0 +

Powered by STRA.COM


Tutti insieme nei centri d’incontro

Ovada, c’è il Csva

Tutti in campo per beneficenza

Un servizio ‘Speciale’ con la San Vincenzo

Al teatro Parvum serata dedicata alle ‘Ave Maria’, implorando pace

La carta dei servizi: un utile guida

Le guardie ecologiche scelgono il web

Disabili, quelle leggi che ‘aiutano’

I molti vantaggi per le organizzazioni no profit con ‘+ dai – versi’